TweetAwards luci e ombre

Sono trascorsi due giorni dai Tweet Awards, ma ancora non riesco a dimenticare un avvenimento che mi ha lasciato un po’ di amaro in bocca.
Non ho nessuna intenzione di spodestare @merlinox dalla vetta dei #Polemici #TweetAwards ma certe cose meritano di essere approfondite.

Veniamo ai fatti… nel bel mezzo della nostra premiazione, la direzione eventi del #BlogFest ci avverte che, causa sovrapposizione eventi, avremmo dovuto fare armi e bagagli velocemente.
Dovevo capire subito che i due loschi individui che si aggiravano con fare sospetto attorno al tavolo delle premiazioni dei Tweet Awards, non volevano solo fottere una lattina di Puss; dovevo accorgermi immediatamente che quando uno di questi ha iniziato a pisciare contro le gambe dei tavoli, non lo stava facendo solo perché i bagni erano occupati; stava segnando il territorio!

Capisco che il loro NOME era un po’ più noto del nostro, ma di fronte ad un’area disponibile di 10.000 mq, cazzo era necessario mettersi proprio nel posto occupato da noi!
Certe cose, non solo non le capisco, ma non riesco a digerirle nemmeno facendomi di Alcaselzer in vena.

Detto questo, non mi resta che stemperare la polemica, ringraziano di cuore tutti i ragazzi dell’organizzazione Tweet Awards e BlogFest, gli sponsor ed in particolare le ragazze di Pussy, la cameraman gnoccolona che ancora non me l’ha data (l’amicizia su face book) ed anche Gargamella e il compare, perché senza di loro avrei potuto polemizzare.

Potrebbe interessarti anche questo:

  1. TweetAwards 2011, ci siamo quasi
  2. Tweet Awards 2010

Luca Conti

Imprenditore, digital media strategist, creativo, sportivo, sognatore. Lavora da diversi anni in RedHot Crew, dove gestisce la Killbit, un’agenzia che si occupa di comunicazione digitale, comprensione del social e della rete. Autore del libro "Traguardi. Cambia vita con sport e social"

There are 0 Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *