La ricreazione è finita. Torniamo a lavorare.

Tutto è nato da questo invito: Se anche tu credi che il digitale non sia solo uno strumento, ma un nuovo modo di pensare, di lavorare, di fare impresa partecipa al #############

Da addetto al settore, sono fermamente convinto che il digitale sia prima di tutto uno strumento e non un modo di pensare. O meglio, prima pensi, poi usi lo strumento. Nel caso specifico potrebbe essere il digitale, oppure una scatola di sardine, un ferro da stiro, un pezzo di carta o un pelo di gatto, ma questo non lo possiamo sapere fino a quando non attiviamo i neuroni pensando a quale strategia sia migliore per il nostro cliente per fargli raggiungere l’obiettivo prefissato.
Attenzione! Potrebbe non aver bisogno di strumenti digitali! (echecaz##o!)

Purtroppo, dovremo attendere che questa ondata di neodigitofili, smetta di pensare al digitale come fuga dalla realtà e inizi a concentrarsi sui reali bisogni delle aziende che, forse, e sottolineo forse, sono legati alle vendite del prodotto e non a quanto è figo lo strumento che si utilizza.

Ancora una volta ce la raccontiamo tra di noi, senza considerare che la cosa peggiore è legata alla gente che la racconta alle aziende.
La ricreazione è finita. Torniamo a lavorare.

Potrebbe interessarti anche questo:

  1. I nativi digitali mi spaventano

Luca Conti

Imprenditore, digital media strategist, creativo, sportivo, sognatore. Lavora da diversi anni in RedHot Crew, dove gestisce la Killbit, un’agenzia che si occupa di comunicazione digitale, comprensione del social e della rete. Autore del libro "Traguardi. Cambia vita con sport e social"

There are 5 Comments

  • Vediamo un po'… proveniva da qualcuno al quale sarebbe piaciuto "conoscerti di persona"? 😀

  • #SocialMedia La ricreazione è finita. Torniamo a lavorare http://t.co/QXJHnZz3bw by @luca_conti

  • La ricreazione è finita. Torniamo a lavorare. http://t.co/4yCV5CgSTi via @luca_conti

  • Le aziende devono ancora imparare molto di cosa significhe stare sul web, ma molti del settore dovrebbero volare ad ali un po' più basse anziché riempirsi la bocca di termini ampollosi, come hai segnalato tu nell'articolo Luca! 😉

  • Giusy Rosa says:

    D'accordo, la piazza diventi mercato, ma quello di zona piccolo e famigliare, oppure il supermercato con tante altre piazze e gallerie? Comunque le chiacchiere abbondano sempre.

  • Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *