Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="4890"]
Zapisz Zapisz

la persona che non ti aspetti

Sei mesi fa ho iniziato a lavorare ad un progetto dedicandogli parecchie ore e sacrificando molto tempo alla mia vita privata. Ormai ero diventato un estraneo per mia moglie e le mie figlie,  che riuscivo a vedere solo per pochi minuti al giorno.

Finalmente dopo tanto penare, il progetto è ultimato e posso ritornare a “vivere”.

Prima di ritornare alla “normalità” vorrei comunque sottolineare come oggi, il rispetto per il lavoro altrui sia diventato una sorta di zerbino dove il primo pirla che passa si permette di calpestarlo senza troppe remore.

Terminato il lavoro sporco (idea creativa, indagini di mercato e piani marketing) gli avvoltoi hanno iniziato a planare, attirati forse dal mio essere carogna di me stesso. Comunque il tentativo che non ti aspetti è arrivato proprio dalla persona che non ti aspetti. La classica persona a cui non daresti nemmeno 2 lire, non tanto per mancanza di fiducia, ma più che altro per la sua “pochezza” generale. E’ uno di quelli che ha scalato la “piramide aziendale” tenendo ben umide le terga di chi stava sopra di lui. E’ uno di quelli che ricopre una posizione senza nemmeno sapere cosa ci stia a fare li, ma tu hai bisogno di lui e gli fai anche il favore di fargli capire quale sia il suo lavoro. Alla fine, questa specie di ameba “leccante”, riesce quasi  ad impadronirsi del frutto del tuo lavoro… mmmmh

Fortunatamente il nostro personaggio è talmente decerebrato che persino mia nonna, ormai ultra novantenne, è stata in grado di capire in tempo le sue intenzioni.

Questo è stato l’apice di un semestre intenso. L’apice  a cui non sarei mai voluto arrivare, se non altro per non essere costretto a sentire nuovamente le cantilene del “te lo dovevi aspettare”, “sei troppo buono”, “ti fidi troppo della gente”…

Ora che le cose sono risolte e la giustizia farà il suo corso posso tirare un sospiro di sollievo. Posso rilassarmi* e godere i frutti della mia** fatica.

*rilassarmi: tempo variabile fra i 5 e 15 minuti consecutivi
** mia:  ed ovviamente di tutto lo staff Ozz e 1.5

No Comments Yet.

What do you think?

Your email address will not be published. Required fields are marked *