Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="4890"]
Zapisz Zapisz

Italia Veloce: una fuga sopra un tappo a corona

Una delle aziende che più mi ha entusiasmato nell’ultimo periodo è stata Italia Veloce, officina italiana velocipedi di pregio. Italia Veloce è un’azienda nata nel 2010 dalla brillante intuizione di due imprenditori parmigiani che hanno saputo trasformare la passione per la bicicletta in un progetto imprenditoriale di altissimo livello.
Qualità, stile ed esclusività sono i punti cardine che hanno fatto di questa realtà un’eccellenza riconosciuta in tutto il mondo. Puro artigianato italiano.

in-fuga-sopra-un-tappo-a-corona-3

Un inconfondibile stile “retrò chic” che si materializza in un raffinato senso estetico degli anni passati, caratterizzato da romantiche atmosfere, contestualizzate ai nostri giorni.

modello-audace

Italia Veloce, oggi, è una vera e propria icona di stile, un baluardo nazionale di chi crede ancora nei valori, nelle tradizioni e nella qualità, è a tutti gli effetti un conferma delle nostre radici proiettata al futuro.

Immaginate di avere sette anni, in un pomeriggio d’estate, nel cortile di casa vostra, insieme a tanti amici più o meno della vostra età. Immaginate di avere appena visto alla Tv in bianco e nero, i campioni del ciclismo, scalare le vette mitiche delle Alpi o dei Pirenei. Immaginate di avere una gran voglia di volare in bicicletta ad emularli. State sognando migliaia di persone lungo la strada, che gridano il vostro nome. Di giungere primi, sul rettilineo d’arrivo, da soli, con le braccia alzate a toccare il cielo. Un’ultima spinta con l’indice… ed è vittoria. La folla vi osanna, vi porta in trionfo, siete l’eroe del ciclismo mondiale, del cortile di casa vostra, forse dell’intero quartiere. Siete entrati nella storia, parleranno di voi per giorni.

In queste poche righe – ma vi esorto a leggere l’intero post relativo alla nascita della società sul loro sito – si condensano sogni, passioni e pulsioni che, consolidatesi negli anni,  sarebbero poi sfociate in una fuga sopra un tappo a corona… volevo dire in un’officina di velocipedi di pregio.

No Comments Yet.

What do you think?

Your email address will not be published. Required fields are marked *